top of page
  • Marketing

15 anni di ImmoSky - Intervista con Maik Hoppe

Aggiornamento: 20 set 2022

Aggiornato: 13 novembre 2020


Maik Hoppe è parte di ImmoSky AG da 15 anni. Dal 1° novembre 2005, coadiuva con passione i nostri agenti nell'area Sales Support. Che si tratti di acquisizione attiva di clienti al telefono, formazione di nuovi collaboratori e di altri compiti di supporto interno alle vendite, è difficile immaginare ImmoSky senza Maik.


In questa intervista abbiamo voluto sapere un po' di più su di lui, e come ha "tenuto duro" alla ImmoSky per così tanto tempo. 😊


Intervista con Maik Hoppe

Ciao Maik, prima di tutto congratulazioni per il tuo traguardo - 15 anni alla ImmoSky. È un periodo lungo. Come sei arrivato alla ImmoSky nel 2005? Prima di tutto, grazie mille. Faccio fatica a credere che siano già trascorsi 15 anni di lavoro alla ImmoSky. Come sono arrivato qui? Un mio amico mi aveva detto che ImmoSky stava cercando del personale di supporto alle vendite. In realtà, non provengo da questo settore, in precedenza lavoravo come gestore di una discoteca a Vienna. Ma dato che ho una formazione commerciale e sono sempre stato aperto a cose nuove, ho pensato di tentare la fortuna. Ho fatto poi un colloquio di lavoro con Francesco Nucera (nota: CEO e co-fondatore di ImmoSky AG), ci siamo piaciuti all’istante e mi è stato chiesto di scoprire subito se il lavoro faceva per me. Mi è stato affidato l’incarico di chiamare i proprietari degli immobili in vendita e fissare gli appuntamenti per gli agenti. Nel giro di poche telefonate, sono riuscito a prendere due appuntamenti e sono stato assunto su due piedi!



Qual è il tuo segreto per venire ancora in ufficio così motivato e pieno di grinta dopo 15 anni?

Mi pongo nuovi obiettivi ogni settimana, in realtà ogni giorno, e cerco di metterli in pratica. Vedo ogni giorno di lavoro come una nuova sfida e questo mi motiva. Sono anche sempre impaziente di incontrare i miei colleghi, il team e, naturalmente, anche il lavoro. L'atmosfera nel nostro ufficio è sempre ottima e anche se ci può essere qualche commento stupido, non è mai inteso in senso cattivo. Di conseguenza, lavorare insieme ai miei colleghi è davvero divertente. Questo è importante per me perché mi sento portato per il gioco di squadra e non mi piace agire in modo individuale. Ho anche un ottimo rapporto con il mio superiore Yves Balogh e apprezzo molto la comunicazione aperta e diretta con lui.



Cosa rende ImmoSky così attraente per te come datore di lavoro?

Sono sempre stato vicino allo sviluppo dell'azienda e questo crea naturalmente un legame. È quasi come veder crescere un bambino. Inoltre, l'azienda è solida e un datore di lavoro sicuro. Sono contento di farne parte e questa è anche la visione della direzione. L'apprezzamento per la mia persona e il mio lavoro c'è e c'è sempre stato.

Maik Hoppe

Quali sviluppi hai potuto osservare durante il tuo periodo alla ImmoSky fino a oggi?

È emozionante vedere come l'azienda si è sviluppata negli ultimi 15 anni. Ho potuto seguire passo dopo passo come ImmoSky si è sviluppata passando da una piccola impresa familiare a un'azienda con sedi in quattro paesi e diverse centinaia di dipendenti. Eppure quel senso di azienda familiare non è mai andato perso. E insieme a ImmoSky, sono anche cresciuto. Per me, l'azienda è diventata la mia seconda casa, e non per le tante ore di lavoro. 😉 Ho sicuramente intenzione di rimanere qui fino alla pensione.


Il coronavirus ha cambiato qualcosa nel tuo lavoro quotidiano?

Naturalmente, come team abbiamo dovuto adattarci a questa situazione eccezionale. I potenziali clienti con cui parliamo ogni giorno sono diventati più cauti. Ecco perché è necessario un sostegno maggiore. Per me è particolarmente importante trasmettere con una certa empatia, sicurezza e la sensazione di essere in buone mani con ImmoSky anche in tempi di pandemia. Il cliente dovrebbe avere una buona sensazione alla fine della giornata!


Infine, vorremmo sapere qualcosa in più su di te. Carriera, background, hobby – a te la parola!

Il mio contraltare al lavoro è il calcio. Sono originario di Brema, quindi ovviamente il mio cuore batte per il Werder Bremen. Vado spesso alle partite in trasferta. Quando il mio club vince, il lunedì vengo a lavorare tutto contento. La passione è nota anche qui in azienda e spesso ho discussioni da "esperto" con i miei colleghi e superiori.

Grazie mille per l'intervista, Maik. Ti auguriamo altri 15 anni alla ImmoSky - come minimo!

Comments


bottom of page