top of page
  • Lea Bommeli

Aumento del tasso di interesse di riferimento all'1,5 %: gli affitti aumenteranno ora?

I prezzi al consumo sono attualmente in aumento in tutti i settori della vita, anche in Svizzera e anche per le abitazioni. L'Ufficio federale delle abitazioni ha ora annunciato che il tasso d'interesse di riferimento sarà aumentato dall'1,25 all'1,5% a partire dal 1° giugno 2023. Il "tasso d'interesse di riferimento per i mutui" viene utilizzato per adeguare gli affitti. Cosa significa questo per gli inquilini? Dobbiamo aspettarci un aumento degli affitti? In questo articolo vi spieghiamo cos'è esattamente il tasso d'interesse di riferimento, quali sono le conseguenze dell'aumento e quali sono le regole o le condizioni da rispettare quando i proprietari vogliono aumentare gli affitti.


Aumento dei tassi d'interesse sulle case


Che cos'è esattamente il tasso di interesse di riferimento?

Il tasso di interesse di riferimento è fissato dall'Ufficio federale delle abitazioni (UFAB) su base trimestrale. La Banca Nazionale Svizzera (BNS) calcola un valore medio dei tassi di interesse di tutti i mutui ipotecari, da cui dipende il tasso di interesse di riferimento. Se il tasso di riferimento ipotecario scende, i locatori possono ridurre gli affitti. Se aumenta, i locatori possono aumentare i canoni di locazione. Tuttavia, per evitare aumenti eccessivi dei canoni di locazione, si applicano determinate norme di legge e periodi di preavviso.


Per anni il tasso d'interesse di riferimento è sceso a favore dei locatari. L'aumento all'1,5% a partire dal 01.06.2023 è il primo aumento dall'introduzione del tasso d'interesse di riferimento svizzero nel 2008, come mostra la panoramica degli sviluppi. La conseguenza potrebbe essere un aumento dell'affitto.



Panoramica dell'andamento del tasso di interesse di riferimento dal 2008 a oggi

Sviluppo del grafico lineare del tasso di interesse di riferimento



Gli affitti saliranno ora?

La metà degli affitti potrebbe presto essere aumentata. Fondamentalmente, ci si può orientare come segue:

Moneta e curva Pendenza del tasso d'interesse

Il tasso d'interesse di riferimento su cui si basa l'affitto attuale è spesso indicato esplicitamente nel contratto di locazione. Il tasso di interesse applicabile è quello in vigore al momento della stipula del contratto. Se l'affitto attuale si basa su un tasso di interesse di riferimento dell'1,25%, è generalmente possibile un aumento dell'affitto del 3%. Questo vale in particolare per i contratti di locazione stipulati tra marzo 2020 e la fine di maggio 2023 o per i contratti di locazione iniziati in precedenza in cui il locatore ha sempre trasferito le riduzioni del tasso di interesse di riferimento.


A causa dell'andamento del tasso di interesse di riferimento, è possibile adeguare solo il canone di locazione netto, ma non i costi accessori inclusi nel canone.



A cosa bisogna prestare attenzione quando si aumenta l'affitto?

Se il locatore vuole aumentare il canone di locazione a causa dell'aumento del tasso di interesse di riferimento dall'1,25 all'1,50 per cento, è necessario considerare alcuni aspetti (art. 269d e 266c CO):

  • L'aumento dell'affitto deve essere notificato e giustificato all'inquilino almeno 10 giorni prima dell'inizio del periodo di preavviso e su un modulo approvato dal Cantone; il periodo di preavviso per gli appartamenti in affitto è di almeno tre mesi.

  • L'aumento del canone di locazione può essere effettuato al più presto alla prossima data di scadenza.

Controllare il contratto con la lente d'ingrandimento

Ma: chi ha pagato troppo negli ultimi anni perché la riduzione del tasso d'interesse non è stata trasferita, non deve pagare ora un affitto ancora più alto, ma può addirittura chiedere una riduzione dell'affitto in determinate circostanze. Se ricevete una lettera raccomandata dal vostro locatore, dovete innanzitutto verificare se l'aumento dell'affitto è legale.


Di solito l'inquilino ha 30 giorni di tempo per presentare un'obiezione alla commissione di conciliazione. Per ulteriori dettagli, l'associazione degli inquilini può aiutarvi.


Attenzione: l'inquilino ha il diritto di aumentare l'affitto in concomitanza con altri canoni e con la quota legale dell'inflazione (secondo l'indice nazionale dei prezzi al consumo, massimo 40 %).



Siete alla ricerca di un nuovo immobile in affitto?

Nel nostro database troverete appartamenti, case o immobili commerciali in affitto. I nostri agenti immobiliari saranno lieti di aiutarvi.





Tutte le informazioni sono prive di garanzia. Le informazioni contenute in queste pagine Internet sono state accuratamente studiate.

Comments


bottom of page