top of page
  • Marketing

Cambiare casa senza stress

Aggiornamento: 29 mar 2023

Pianificare il trasloco con pochi semplici accorgimenti


Cambiare casa rappresenta indubbiamente un grande passo e richiede molta preparazione. Soprattutto se non ci si trasferisce nella nuova casa da soli, ma con tutta la famiglia. Organizzare il trasloco e stimare i costi previsti si rivela spesso una vera e propria sfida. È richiesta una certa abilità nella pianificazione e capacità strategiche anche nell’esecuzione del trasloco vero e proprio.


Cosa bisogna fare e quando per evitare che il trasloco si trasformi in puro stress?

È difficile indicare esattamente quando iniziare il lavoro preliminare per il trasloco. Ogni cambio di casa è diverso e a volte è necessario trasferirsi senza pensarci troppo. Tuttavia, è consigliabile preparare una check-list per non trovarsi poi con l’acqua alla gola.


Cambiare casa senza stress


Con largo anticipo prima del trasloco

Non appena è sicuro che entro qualche tempo dovrà traslocare, inizi immediatamente a cercare un’abitazione. Internet è una buona risorsa per cominciare a cercare casa autonomamente. Tuttavia, la ricerca è facilitata con l’aiuto di un agente immobiliare che conosce il mercato e può presentarle una scelta di immobili in linea con le sue esigenze e aspettative. Gli agenti immobiliari di ImmoSky saranno lieti di poterla consigliare. Contatto


Non appena trovata casa, è opportuno iniziare subito la ricerca di un nuovo inquilino che subentri nel vecchio appartamento o casa, perché di solito ci sono scadenze rigide da rispettare. Se è proprietario dell’immobile e ha intenzione di vendere, avrà probabilmente bisogno di più tempo, tuttavia sarà più flessibile per quanto riguarda la data di trasloco. Bisognerebbe inoltre stimare in anticipo i costi del trasloco.


Un trasloco comporta normalmente un elevato esborso economico. Se non si trasferisce da solo, avrà allora bisogno di una ditta di traslochi, o perlomeno di un furgone. In entrambi i casi, bisogna prevedere una cifra per i materiali di imballaggio, i lavori di ristrutturazione, i permessi e i nuovi mobili. Perciò è importante che, all’inizio della pianificazione del trasloco, stabilisca qual è il budget disponibile per questo cambio di casa. Il modo più semplice per pianificare i costi del suo trasloco è usare un calcolatore delle spese di trasloco.


Se preferisce un supporto completo, la scelta migliore è affidarsi a una ditta di servizi di trasloco con assistenza a 360°. Questa opzione è ideale per gli anziani, per esempio, che non sono più in grado di affrontare un impegno organizzativo così complesso. Se il suo budget non consente spese elevate o se, in generale, vuole risparmiare, può ridurre i costi di trasloco organizzandolo completamente da solo, noleggiando i cartoni e ingaggiando privatamente del personale d’aiuto. Inserisca nella check-list tutto quello che deve essere fatto ed elenchi le varie voci in ordine di importanza per far sì che le singole fasi siano chiare e comprensibile.



Tre mesi prima del trasloco

La data esatta del trasloco dovrebbe essere stata fissata. Desidera che il trasloco sia il meno stressante possibile? Allora è meglio rivolgersi a una ditta di traslochi, senza tuttavia aspettare l’ultimo momento! L’esperienza dimostra infatti che le ditte di traslochi siano prese d’assalto nei periodi tradizionali di scadenza dei contratti. Si rivolga ad amici e conoscenti e chieda loro il nominativo di ditte di traslochi affidabili. Chieda preventivi scritti con indicazione della tariffa oraria e del tetto di spesa garantito. Confronti i vari preventivi e, inoltre, vale sempre la pena di negoziare il prezzo.


Il nostro partner Moving24 vi offre la possibilità di confrontare online e senza impegno fino a cinque offerte di aziende di traslochi nella vostra regione e trovare così l'opzione migliore per voi. E i clienti ImmoSky hanno un ulteriore vantaggio: ricevono uno sconto del 20% sul loro trasloco con Moving24.


È inoltre opportuno che iniziare a disdire i contratti in essere relativi alla vecchia abitazione. Se intende trasferire i contratti esistenti da una casa all’altra e se questo è possibile, le suggeriamo di confrontare prima i costi attualmente sostenuti con le tariffe standard applicate nel nuovo luogo di residenza. Se trasloca da un appartamento in affitto a una casa di proprietà, d’ora in poi avrà anche bisogno di un’assicurazione sulla casa e di un’assicurazione di responsabilità civile per i proprietari di casa. Inoltre sarebbe opportuno informarsi per tempo sulle possibilità di stipulare un’assicurazione per il trasloco. Tuttavia, succede di solito che qualcosa sfugga nel trambusto del trasloco e pertanto è buona cosa segnalare all’ufficio postale il nuovo indirizzo di recapito.


Non appena trovata la nuova casa, le suggeriamo di fare un elenco di chi informare del nuovo indirizzo. In questo modo tutte le persone, uffici ed enti con cui è normalmente in contatto saranno a conoscenza del suo nuovo indirizzo.


Indipendentemente dal fatto se ha organizzato il trasloco con una ditta o per conto proprio, è assolutamente necessario non avere impegni di lavoro o di altro genere nel giorno del trasloco. Chiarisca per tempo con il suo datore di lavoro se le concederà ferie nel giorno del trasloco. Non esiste infatti un diritto di legge che preveda un permesso di lavoro speciale per chi trasloca. Tuttavia, la maggior parte dei capi capiscono la situazione e non fanno problemi a riguardo. Alcune aziende hanno regolamenti speciali che disciplinano la richiesta di ferie per il trasloco. Se non le viene concesso un giorno di ferie, le consigliamo di pianificare il trasloco durante il fine settimana.



Un mese prima del trasloco

Le cose si stanno facendo sempre più serie. Manca solo un mese al trasloco. A questo punto dovrebbe aver scelto la ditta di traslochi e averla incaricata.


Il prossimo passo è procurarsi i cartoni per il trasloco. Avrà bisogno di circa 20 cartoni per persona. I professionisti del settore aggiungono 4 cartoni in più per ogni persona, 15 cartoni per ogni stanza e 1 cartone per ogni anno trascorso nel vecchio appartamento o casa. In alternativa, è possibile stabilire il numero di cartoni utilizzando la calcolatrice. Anche in questo caso, è possibile rivolgersi alle ditte di traslochi per noleggiare i cartoni.


Si informi per tempo presso il suo gestore riguardo al passaggio dell’utenza di Internet o telefonica. Se è possibile, il suo contratto proseguirà semplicemente nel nuovo appartamento. Diversamente, può esercitare il previsto diritto speciale di disdetta per motivi di trasloco.


È arrivato il momento di spostare i vecchi mobili e quelli che non vuole più portare con sé. Trovi un deposito per i mobili che vuole tenere ma non portare nella nuova casa, e organizzi la vendita di quelli che non le servono più ma che sono ancora utilizzabili. Se non interessano ai suoi amici o parenti, ci sono vari portali online dove è possibile inserire gratuitamente degli annunci degli oggetti in vendita. Tutte le cose che non le servono quotidianamente possono essere piano piano imballate nei cartoni o smontate.



Una o due settimane prima del trasloco

È arrivato il momento di smontare e fissare stabilmente i primi pezzi dell’arredamento. Rifletta su quali mobili smontare completamente in un secondo tempo e quali invece trasportare in un unico pezzo. Nel prendere la decisione, tenga conto della larghezza delle scale e delle porte e della capacità del veicolo di trasporto.


Nella vecchia casa, può anche iniziare i ritocchi e le riparazioni di piccola entità che rientrano nella responsabilità dell’inquilino, se questo è stato espressamente concordato nel contratto d’affitto. Segnali all’amministrazione o al proprietario di casa qualsiasi danno grave e le riparazioni necessarie e, se del caso, all’assicurazione di responsabilità civile.


Si procuri i cartelli di divieto di sosta per il giorno del trasloco. Se ha incaricato una ditta di traslochi, sarà quest’ultima a occuparsene.



Il giorno prima del trasloco

Oggi è meglio riposare un po’ perché domani sarà indubbiamente una giornata impegnativa. Metta il resto delle sue cose nei cartoni e si prepari mentalmente al trasloco. Se, come aiutanti, è riuscito a reclutare amici e parenti, è meglio ricordaglielo con una gentile telefonata o un messaggio di promemoria.



Il giorno del trasloco

È arrivato l’atteso giorno del trasloco. Nonostante tutta la preparazione, sarà comunque un giorno stressante. Se ha incaricato una ditta di traslochi, il fattore stress è ridotto al minimo.


Cosa fare con i bambini o gli animali domestici durante il trasloco? Sia per i bambini piccoli che per gli animali, il cambio di casa significa puro stress. Pertanto, è consigliabile organizzare per tempo un’assistenza adeguata. È meglio chiedere a nonni, fratelli o amici stretti se possono badare ai bambini e/o agli animali domestici durante questa giornata.


Perché è importante controllare le scale e i corridoi con riguardo ai danni preesistenti non riparati? Se il proprietario di casa rileva dei danni alle scale dopo il suo trasloco, quest’ultimo ha il diritto di farle pagare le riparazioni. Questa richiesta non si applica se dimostra chiaramente che il danno non è stato causato da lei.



Fase successiva al trasloco

Dopo il trasloco, l’ultimo passo è la consegna della vecchia abitazione. Il verbale di constatazione dei difetti dovrebbe essere redatto insieme al proprietario al momento dell’ingresso e dell’uscita dall’abitazione. Annoti qualsiasi danno esistente e faccia delle fotografie se il proprietario di casa non procede nello stesso modo. Al momento del trasloco, il verbale serve come prova per sapere se deve pagare eventuali danni a lei spettanti. Notifichi l’elenco dei difetti del nuovo appartamento per lettera raccomandata al proprietario entro 10 giorni dal trasloco. Fissi una scadenza al proprietario entro la quale i difetti devono essere eliminati e ne tenga una copia.


Siete alla ricerca di un nuovo appartamento? Le nostre offerte spaziano da piccoli monolocali e maisonette a case indipendenti. Scoprite subito le offerte attuali online.

コメント


bottom of page