top of page
  • Marketing

Immobili sfitti - definizione e conseguenze

Aggiornamento: 20 set 2022

«Gli immobili sfitti in Svizzera continuano ad aumentare». "La percentuale degli immobili vuoti è più alta che mai". Forse non è la prima volta che legge titoli come questo. Ma cosa significa "immobile sfitto" e qual è il conseguente impatto quando si compra e si vende un immobile? In questo articolo, vorremmo darle una definizione e una panoramica della situazione attuale.


Cominciamo con la definizione: cosa si intende in realtà per immobile sfitto?


Con questo termine si intende un edificio o un terreno inutilizzato o non affittato di proprietà privata o pubblica. L'opposto è la carenza di alloggi. (Fonte Wikipedia)


In Svizzera, l'Ufficio federale di statistica rileva ogni anno il numero di abitazioni sfitte. Nell'ultimo censimento condotto dall'UST nel giugno 2020, sono state contate complessivamente 78'832 abitazioni sfitte, pari all'1,72 percento del parco immobiliare totale, comprese le case unifamiliari. Confrontando le cifre con quelle dell'anno precedente, ci sono quindi 3.449 appartamenti sfitti in più, un aumento del 4,6 per cento. Questo significa che la tendenza all’aumento della percentuale degli immobili sfitti registrata negli ultimi dieci anni continua immutata.


Immobili sfitti - definizione e conseguenze

Nel conteggio delle abitazioni vuote, si considerano immobili sfitti solo le abitazioni offerte sul mercato per l’affitto di lunga durata o per la vendita. Tutti gli immobili abitabili sono presi in considerazione, indipendentemente dal fatto che siano arredati o meno. Sono incluse anche le case per le vacanze o le abitazioni secondarie sfitte, a condizione che siano pubblicizzate per l'affitto di lunga durata (almeno tre mesi) o per la vendita. Le case unifamiliari vuote disponibili per l'affitto o in vendita sono equiparate agli appartamenti. La percentuale di abitazioni sfitte corrisponde alla percentuale di abitazioni sfitte (data di riferimento: 1° giugno) del totale delle abitazioni nelle statistiche edilizie e abitative basate sui registri (GWS) dell'anno precedente.



Immobili sfitti principalmente tra gli appartamenti in affitto

La maggior parte degli immobili sfitti sono appartamenti in affitto. Secondo l'UST, alla data del 1° giugno, l’offerta di appartamenti vuoti per l’affitto ammontava a un totale di 62'825 appartamenti. Rispetto all'anno precedente, si registra una crescita di 3.101 unità o del 5,2 percento.

Il numero di appartamenti sfitti e di appartamenti pubblicizzati per la vendita è diminuito leggermente, a fine anno corrispondeva a 12'498 appartamenti (-0,6 percento).

Gli oggetti immobiliari di proprietà non hanno subito particolari contraccolpi, perché attualmente si sta costruendo molto meno: secondo Credit Suisse, il numero di unità abitative per le quali sono stati rilasciati permessi di costruzione negli ultimi 12 mesi è stato di circa 18'000, un buon terzo al di sotto della media dal 2002. Di conseguenza, nel mercato immobiliare residenziale, l'eccesso di offerta è un problema quasi esclusivamente nelle regioni interessate dalla emigrazione interna, nel caso delle seconde case e nel segmento di lusso, mentre in molte regioni tende a esserci una carenza.



Aumento del divario tra rurale e urbano


Non ci sono segnali di allentamento della situazione nei cinque grandi centri della Svizzera. A Zurigo, Ginevra, Losanna, Berna e Basilea non si registra ancora un eccesso di offerta. Al contrario: la tendenza in tutte queste città continua a essere la carenza di alloggi. Secondo i calcoli di Credit Suisse, la percentuale di abitazioni sfitte nei centri principali rimane invariato allo 0,46 percento.


Il numero degli appartamenti vuoti sono è leggermente inferiore a Zurigo (0,14 percento) e Losanna (0,36 percento). Anche quest'anno, le abitazioni con tre e quattro camere da letto rappresentano la maggior parte degli immobili sfitti – un totale di circa 4.300 appartamenti. La probabilità di trovare un appartamento varia molto in alcuni casi, a seconda del tipo di appartamento cercato e della regione.


Mentre si potrebbe supporre che soprattutto i nuovi appartamenti contribuiscano direttamente alla crescita delle percentuali di sfitto – per ogni nuova abitazione si deve infatti prima trovare un inquilino o un acquirente – i dati rilevati, al contrario, non avvallano questa conclusione. Il completamento di nuovi appartamenti porta relativamente rapidamente a cambiamenti nel mercato immobiliare, poiché questi sono spesso ricercati per migliorare la propria situazione abitativa. Oltre all’immigrazione dall'estero e dai cantoni limitrofi, soprattutto le famiglie che vivono nelle immediate vicinanze si trasferiscono negli edifici di nuova costruzione e pertanto gli immobili sfitti si registrano altrove.



Tuttavia, al momento investire in un immobile è ancora una buona idea, soprattutto per la difficile situazione causata dal coronavirus, unita all'incertezza e alla paura del futuro e alle conseguenze che non possono ancora essere stimate. Per avere la certezza che questo investimento valga la pena, si consiglia di consultare un esperto.


ImmoSky sarà lieta di consigliarla su tutti i punti relativi all'acquisto di una casa. Non esiti a contattarci al numero: +41 58 520 01 30.



Fonti:

Kommentare


bottom of page