top of page
  • Marketing

Vivere in una casa multigenerazionale - la tendenza del futuro?

Aggiornamento: 20 set 2022

La società sta invecchiando a ritmo accelerato. Già oggi in Svizzera quasi il 20 percento della popolazione ha più di 64 anni. Provvedere e prendersi cura dei genitori o dei nonni sono compiti di cui si occupano molte persone. Vivere insieme renderebbe molte cose più facili. Solo 50 anni fa era normale che tutte le generazioni – dai neonati ai nonni – vivessero insieme sotto lo stesso tetto. Soprattutto in campagna, tutta la famiglia viveva in una cascina. Oggi, questa forma di convivenza è rara, soprattutto nelle città.


Ma perché? La convivenza tra vecchi e giovani implica molti vantaggi, ma anche svantaggi. Si deve tenere conto dei molti interessi diversi, ma in questo modo si può evitare l'isolamento degli anziani e la distanza fisica (e forse anche mentale) dei membri della famiglia.


Con questo articolo del blog le vogliamo presentare le caratteristiche di una casa multigenerazionale, quali sono i vantaggi e gli svantaggi.


Vivere in una casa multigenerazionale - la tendenza del futuro?

Cos'è una casa multigenerazionale?


In una casa multigenerazionale vivono sotto lo stesso tetto almeno tre generazioni. Quindi dai nonni, ai genitori, ai bambini, tutti insieme in una casa. Nelle città questo modello è poco presente, mentre è un po’ più diffuso in campagna. La mancanza di spazio nelle aree urbane è certamente una delle ragioni. Una casa abitata da diverse generazioni deve essere progettata e costruita in modo che i giovani e i bambini possano vivere la loro vita senza essere troppo limitati da regole. Allo stesso tempo, bisogna assicurarsi che si tenga sufficientemente conto dell'accresciuto bisogno di tranquillità delle persone anziane. Quindi ognuno dovrebbe avere la propria unità abitativa, ma gli spazi comuni come il soggiorno, il bagno, la cucina o il giardino sono condivisi da tutte le generazioni. In questo modo, le persone mantengono la propria indipendenza, ma sono abbastanza vicine per sostenersi a vicenda.

In una casa monofamiliare opportunamente trasformata, l’abitare di più generazioni sotto lo stesso tetto può essere implementata su piccola scala. Se la planimetria lo permette, il piano terra può essere convertito in un appartamento adatto all'età dei genitori, mentre il primo piano diventa un appartamento separato per i figli adulti. La vita multigenerazionale può essere realizzata anche nei condomini, utilizzando semplicemente più appartamenti. Ma può anche essere realizzato su scala più ampia creando speciali complessi residenziali per giovani e anziani che vivono insieme in tutta comodità. Ci sono già alcuni esempi in Svizzera, come la Giesserei a Winterthur o il progetto "GeWo" a Burgdorf.



Quali sono i vantaggi di diversi gruppi di età che vivono insieme sotto lo stesso tetto?


Ogni gruppo di età ha dei vantaggi quando si vive insieme in una casa multigenerazionale. I nonni, per esempio, possono badare ai bambini quando i genitori sono al lavoro o hanno altri impegni. In questo modo, i costi per l’assistenza dei bambini possono essere risparmiati e l’assistenza è affidata a persone che sono familiari e che probabilmente condividono gli stessi principi sulla cura dei bambini – dopo tutto, sono proprio loro che hanno cresciuto la generazione dei genitori. I nonni, cioè le generazioni più anziane, traggono vantaggio dall'essere aiutati in varie mansioni domestiche che trovano ormai difficili da svolgere. Per i bambini, una casa multigenerazionale è un arricchimento, perché trovano sempre qualcuno pronto a giocare con loro o ad ascoltarli. Non vuoi sempre raccontare tutto ai tuoi genitori e preferisci confidarti con una zia. Si può anche costruire e mantenere un contatto intimo con i nonni, altrimenti difficile in caso di grande distanza fisica. Tuttavia, l'indipendenza di tutti i residenti è pienamente preservata – se si desidera pace e tranquillità, ci si può ritirare nelle proprie stanze private, ma se si desidera la compagnia, ci si incontra semplicemente nelle sale comuni.



Di che cosa bisogna tenere conto e quali svantaggi comporta una casa multigenerazionale?


Oltre a tutti i vantaggi della convivenza con altre generazioni, ci sono naturalmente anche svantaggi e cose che devono essere considerate in anticipo. I conflitti si verificano anche nelle comunità «normali» e non possono essere evitati, ma in una casa multigenerazionale, il numero di coinquilini può portare a discussioni più frequenti. Ciascuno ha la propria routine quotidiana, il proprio senso della pulizia e le proprie opinioni. Quindi, quando si tratta di argomenti come la casa, l'educazione dei figli, ecc., si dovrebbe sempre accettare l'opinione degli altri e cercare sempre di trovare un compromesso. In alcuni casi, tuttavia, si dovrebbe lasciare libertà di azione anche alle persone più anziane, per esempio, quando si tratta di crescere i nipoti. Altrimenti, si possono manifestare rapidamente differenze inconciliabili. La cosa più importante è che tutti i coinquilini abbiano ben chiari i loro doveri e diritti in casa.


Anche la ricerca di un immobile adatto può essere difficile. Una volta trovato, il passo successivo è quello di dividere equamente lo spazio e adattarlo alle esigenze dei futuri residenti (parola chiave: accessibilità). Oggigiorno sempre più architetti si occupano di questo argomento.


La casa multigenerazionale è un modello di convivenza per il futuro. In questo modo, la distanza fisica e sociale tra le famiglie può essere ridotta e giovani e anziani possono trarre benefici dalle altre generazioni.




La casa multigenerazionale è un argomento di suo interesse? Saremo felici di cercare con lei gli immobili adatti e di darle assistenza nella loro realizzazione. Aspettiamo la sua chiamata.

Comments


bottom of page